La Corte conferma la propria giurisprudenza sui rapporti tra legge statale e legge regionale siciliana in tema di ineleggibilità