Un nuovo fondamento per l'ineleggibilità