Il difficile rapporto della pataticoltura campana con il mercato