Il catalogo è fra i primi contributi scientifici alla storia della fotografia italiana. Si è basato su una indagine realizzata a tappeto sulla stampa quotidiana ottocentesca e su uno scavo archivistico documentario al fine di reperire notizie di prima mano sui fotografi attivi nella città di Napoli. In particolare il saggio di M. Picone, dopo aver delineato i principali problemi metodologici per una moderna storia della fotografia, passa ad analizzare i rapporti che questa nuova forma di arte intrattiene con la pittura. A questo fine si utilizzano molte notizie tratte dalla stampa dell'epoca per delineare le strategie di penetrazione nel mercato della pittura e soprattutto della grafica da parte dei fotografi. Inoltre si indagano i problemi linguistici legati al taglio delle immagini fotografiche in rapporto agli schemi visivi consolidati nella tradizione pittorica. Infine si analizzano i rapporti fino a quel momento noti fra i pittori napoletani e il mondo della fotografia, con particolare attenzione ad artisti del calibro di Filippo Palizzi e Domenico Morelli.

Immagine e città. Napoli nelle collezioni Alinari e nei fotografi napoletani fra ottocento e novecento

PICONE, MARIANTONIETTA
1981

Abstract

Il catalogo è fra i primi contributi scientifici alla storia della fotografia italiana. Si è basato su una indagine realizzata a tappeto sulla stampa quotidiana ottocentesca e su uno scavo archivistico documentario al fine di reperire notizie di prima mano sui fotografi attivi nella città di Napoli. In particolare il saggio di M. Picone, dopo aver delineato i principali problemi metodologici per una moderna storia della fotografia, passa ad analizzare i rapporti che questa nuova forma di arte intrattiene con la pittura. A questo fine si utilizzano molte notizie tratte dalla stampa dell'epoca per delineare le strategie di penetrazione nel mercato della pittura e soprattutto della grafica da parte dei fotografi. Inoltre si indagano i problemi linguistici legati al taglio delle immagini fotografiche in rapporto agli schemi visivi consolidati nella tradizione pittorica. Infine si analizzano i rapporti fino a quel momento noti fra i pittori napoletani e il mondo della fotografia, con particolare attenzione ad artisti del calibro di Filippo Palizzi e Domenico Morelli.
9780000003
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/459602
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact