Il contributo vuole analizzare la traduzione in termini politici e normativi delle rivendicazioni securitarie come forme di "paranoia politica". In questo senso, si riprende la concezione freudiana della paranoia e il suo sviluppo in Jacques Lacan, per il quale è la costituzione stessa dell'io essenzialmente paranoica, ragion per cui la ragione securitaria tende a mimetizzarsi perfettamente con l'io stesso.

Del diritto alla sicurezza come forma di paranoia politica

RAPONE, VINCENZO
2012

Abstract

Il contributo vuole analizzare la traduzione in termini politici e normativi delle rivendicazioni securitarie come forme di "paranoia politica". In questo senso, si riprende la concezione freudiana della paranoia e il suo sviluppo in Jacques Lacan, per il quale è la costituzione stessa dell'io essenzialmente paranoica, ragion per cui la ragione securitaria tende a mimetizzarsi perfettamente con l'io stesso.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
FILOSOFIA DEI D.U. - GENN-APR-2012.pdf

accesso aperto

Descrizione: File Contributo Definitivo
Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: Dominio pubblico
Dimensione 3.69 MB
Formato Adobe PDF
3.69 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11588/453221
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact