L’obiettivo del lavoro consiste nel tentativo di verificare come all’introduzione dell’alta velocità siano corrisposte trasformazioni fisiche nell’organizzazione delle aree urbane interessate dal nuovo collegamento e come queste trasformazioni siano state orientate anche all’incremento dell’offerta urbana a fini turistici, sia in termini di servizi dedicati, sia in termini di localizzazione di funzioni che contribuisco all’aumento del potere attrattivo dell’area urbana e dell’intera città. L’attrazione turistica di un territorio viene intesa come la coesistenza di più fattori che concorrono a rendere “unico” un luogo attribuendogli un carattere di eccellenza. Attraverso l’analisi di studi e ricerche condotte in ambito scientifico sul tema, si può dimostrare che l’utenza dell’alta velocità sia prevalentemente, in maniera diretta o indiretta, di tipo turistico. Ciò consente di formulare ipotesi relative alle tipologie di utenza maggiormente interessata all’utilizzo dell’alta velocità e, conseguentemente, di elaborare indicazioni di indirizzo per l’organizzazione dell’offerta urbana finalizzata al soddisfacimento di tale domanda. Il collegamento veloce tra Roma e Napoli mette in relazione due città ad elevata attrazione turistica sostanzialmente differenti tra loro. La connessione tra queste due mete turistiche internazionali non va inquadrata in termini competitivi quanto piuttosto in relazione alle possibili “complementarietà” che il collegamento veloce può essere in grado di attivare. In relazione a tale considerazione, l’articolo giunge alla definizione di possibili indirizzzi per la definizione di un territorio turistico integrato tra Roma e Napoli.

Alta velocità e attrattività turistica del territorio

LA ROCCA, ROSA ANNA
2008

Abstract

L’obiettivo del lavoro consiste nel tentativo di verificare come all’introduzione dell’alta velocità siano corrisposte trasformazioni fisiche nell’organizzazione delle aree urbane interessate dal nuovo collegamento e come queste trasformazioni siano state orientate anche all’incremento dell’offerta urbana a fini turistici, sia in termini di servizi dedicati, sia in termini di localizzazione di funzioni che contribuisco all’aumento del potere attrattivo dell’area urbana e dell’intera città. L’attrazione turistica di un territorio viene intesa come la coesistenza di più fattori che concorrono a rendere “unico” un luogo attribuendogli un carattere di eccellenza. Attraverso l’analisi di studi e ricerche condotte in ambito scientifico sul tema, si può dimostrare che l’utenza dell’alta velocità sia prevalentemente, in maniera diretta o indiretta, di tipo turistico. Ciò consente di formulare ipotesi relative alle tipologie di utenza maggiormente interessata all’utilizzo dell’alta velocità e, conseguentemente, di elaborare indicazioni di indirizzo per l’organizzazione dell’offerta urbana finalizzata al soddisfacimento di tale domanda. Il collegamento veloce tra Roma e Napoli mette in relazione due città ad elevata attrazione turistica sostanzialmente differenti tra loro. La connessione tra queste due mete turistiche internazionali non va inquadrata in termini competitivi quanto piuttosto in relazione alle possibili “complementarietà” che il collegamento veloce può essere in grado di attivare. In relazione a tale considerazione, l’articolo giunge alla definizione di possibili indirizzzi per la definizione di un territorio turistico integrato tra Roma e Napoli.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11588/420090
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact