Molti lettori, ma "con giudizio". Giovanni Tabacco, storico delle istituzioni