Vincenzo Cuoco e l'esemplarità dell'antico