Sull’uso vivaldiano dei segni dinamici