Di un curioso volume anonimo di un autore napoletano