Da un’attenta analisi del rapporto tra arte e architettura del periodo fascista emerge che esiste un sostanziale scollamento tra il ‘decoro’ di architettura di quegli anni ed il suo aspetto puramente ornamentale. Si mette in luce, quindi, una carenza di sincronia tra l’edificio e l’opera d’arte che, nei progetti costruttivi dell’epoca (spesso realizzati in fase successiva), risulta prevalentemente accessoria agli spazi, contenuta e non determinante

Il volto decorato dell'architettura: Napoli, 1930-1940

BASILICO, ANTONELLA
2009

Abstract

Da un’attenta analisi del rapporto tra arte e architettura del periodo fascista emerge che esiste un sostanziale scollamento tra il ‘decoro’ di architettura di quegli anni ed il suo aspetto puramente ornamentale. Si mette in luce, quindi, una carenza di sincronia tra l’edificio e l’opera d’arte che, nei progetti costruttivi dell’epoca (spesso realizzati in fase successiva), risulta prevalentemente accessoria agli spazi, contenuta e non determinante
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11588/368244
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact