Obiettivo di questo lavoro è stato valutare gli effetti analgesici della levobupivacaina in venti cani sottoposti a chirurgia dell’arto posteriore ed anestesia inalatoria con Isoflurano. I nervi femorale e sciatico dell’arto interessato sono stati bloccati iniettando la dose totale di 1 mg/kg di levobupivacaina allo 0.75%, diluita in soluzione salina allo 0.9 % fino ad ottenere un volume di 0.5 ml/kg. A seconda del diametro dei nervi e del rispettivo compartimento anatomico, 0.4 ml/kg di soluzione veniva iniettata per il nervo femorale e 0.1 ml/kg per il nervo sciatico. I parametri vitali e la concentrazione di Isoflurano di fine espirazione venivano registrati durante la procedura chirurgica, mentre la presenza di dolore veniva quantificata in tutti i pazienti nel periodo post-operatorio. I risultati hanno rivelato un effetto risparmio sull’erogazione d’Isoflurano ed un efficace controllo del dolore fino ad 8 ore dopo il risveglio, convalidando l’azione analgesica svolta dalla levobupivacaina nel cane nella tecnica anestetica da noi applicata.

ANESTESIA PARAVERTEBRALE DEI NERVI "SCIATICO" E "FEMORALE" CON LEVOBUPIVACAINA NELLA CHIRURGIA DELL'ARTO POSTERIORE

VESCE, GIOVANNI
2009

Abstract

Obiettivo di questo lavoro è stato valutare gli effetti analgesici della levobupivacaina in venti cani sottoposti a chirurgia dell’arto posteriore ed anestesia inalatoria con Isoflurano. I nervi femorale e sciatico dell’arto interessato sono stati bloccati iniettando la dose totale di 1 mg/kg di levobupivacaina allo 0.75%, diluita in soluzione salina allo 0.9 % fino ad ottenere un volume di 0.5 ml/kg. A seconda del diametro dei nervi e del rispettivo compartimento anatomico, 0.4 ml/kg di soluzione veniva iniettata per il nervo femorale e 0.1 ml/kg per il nervo sciatico. I parametri vitali e la concentrazione di Isoflurano di fine espirazione venivano registrati durante la procedura chirurgica, mentre la presenza di dolore veniva quantificata in tutti i pazienti nel periodo post-operatorio. I risultati hanno rivelato un effetto risparmio sull’erogazione d’Isoflurano ed un efficace controllo del dolore fino ad 8 ore dopo il risveglio, convalidando l’azione analgesica svolta dalla levobupivacaina nel cane nella tecnica anestetica da noi applicata.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11588/361046
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact