La mostra e il catalogo affrontano il tema del manifesto da un punto di vista scientifico, laddove fino ad allora le immagini dei manifesti avevano avuto un carattere poco più che esornativo, rispetto a saggi generali di costume. Attraverso ricerche di prima mano presso gli eredi Mele, si è riusciti a mettere insieme un corpus di oltre 100 manifesti della stessa ditta e con ricerche presso gli archivi della ditta Ricordi si è ricostruita la fitta corrispondenza fra i Mele e Ricordi riguardo agli aspetti tecnici ed economici dei manifesti commissionati. Nel saggio introduttivo i manifesti sono inquadrati all'interno della situazione dell'arte e della grafica italiana in particolare fra '800 e '900, con accenni alle situazioni europee, soprattutto francesi. Uno spoglio dei quotidiani d'epoca ha poi consentito di rilevare il tipo di accoglienza che un buon numero di manifesti avevano avuto a Napoli, con critiche nei 'mosconi' a volte molto interessanti. Viene inoltre approfondito il linguaggio comunicativo ed estetico di ciascun manifesto, tanto nei saggi introduttivi quanto nelle schede dei singoli manifesti, concepite con criterio storico-filologico. Infine viene esaminata la strategia pubblicitaria dei Grandi Magazzini Mele, una strategia complessa di cui i manifesti costituivano solo un aspetto, sia pure particolarmente rilevante per le implicazioni artistiche che comportavano.

I manifesti Mele. Immagini aristocratiche della 'belle époque' per un pubblico di Grandi Magazzini

PICONE, MARIANTONIETTA
1988

Abstract

La mostra e il catalogo affrontano il tema del manifesto da un punto di vista scientifico, laddove fino ad allora le immagini dei manifesti avevano avuto un carattere poco più che esornativo, rispetto a saggi generali di costume. Attraverso ricerche di prima mano presso gli eredi Mele, si è riusciti a mettere insieme un corpus di oltre 100 manifesti della stessa ditta e con ricerche presso gli archivi della ditta Ricordi si è ricostruita la fitta corrispondenza fra i Mele e Ricordi riguardo agli aspetti tecnici ed economici dei manifesti commissionati. Nel saggio introduttivo i manifesti sono inquadrati all'interno della situazione dell'arte e della grafica italiana in particolare fra '800 e '900, con accenni alle situazioni europee, soprattutto francesi. Uno spoglio dei quotidiani d'epoca ha poi consentito di rilevare il tipo di accoglienza che un buon numero di manifesti avevano avuto a Napoli, con critiche nei 'mosconi' a volte molto interessanti. Viene inoltre approfondito il linguaggio comunicativo ed estetico di ciascun manifesto, tanto nei saggi introduttivi quanto nelle schede dei singoli manifesti, concepite con criterio storico-filologico. Infine viene esaminata la strategia pubblicitaria dei Grandi Magazzini Mele, una strategia complessa di cui i manifesti costituivano solo un aspetto, sia pure particolarmente rilevante per le implicazioni artistiche che comportavano.
8800515444
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/321534
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact