«Nel mondo mutabile e leggiero». Torquato Tasso e la cultura del suo tempo