Sulla poesia di Mario Novaro