Una lettera dedicatoria di Carlo Goldoni. Testo e osservazioni