L'iterazione infinita come paradigma della città storica nella opposizione tra praecipua ed exempla