L’indagine è volta a ripercorrere la storia del dovere giuridico che scaturisce dalla sentenza di condanna nel processo civile romano. Dovere giuridico nel senso più lato del termine e dunque in un’accezione volutamente sfumata ed idonea ad abbracciare situazioni storiche e concettualizzazioni dogmatiche differenti degli antichi e dei moderni. Il tema principale della ricerca è l’ 'obligatio iudicati', espressione che la Compilazione giustinianea consegna alla storia successiva. Il sintagma compare soltanto nell’età dei Severi ed il dato terminologico non solo svela qualcosa di sostanziale, ma si pone al culmine di un percorso che muove dal testo decemvirale e conduce ad una lenta emersione dell’ ‘obligatio’ per raffigurare la posizione soggettiva del convenuto soccombente in un giudizio di cognizione. Se non di oblio, certo può parlarsi di un’assai rara focalizzazione dell' 'obligatio iudicati' nella romanistica, anche contemporanea. Da qui l’opportunità di uno studio volto a seguire le tracce di una delle più significative elaborazioni della giurisprudenza romana, destinata fra l’altro a svolgere un ruolo importante nella costruzione del diritto sostanziale e processuale moderno.

Iudicati velut obligatio. Storia di un dovere giuridico

SALOMONE, ANNAMARIA
2007

Abstract

L’indagine è volta a ripercorrere la storia del dovere giuridico che scaturisce dalla sentenza di condanna nel processo civile romano. Dovere giuridico nel senso più lato del termine e dunque in un’accezione volutamente sfumata ed idonea ad abbracciare situazioni storiche e concettualizzazioni dogmatiche differenti degli antichi e dei moderni. Il tema principale della ricerca è l’ 'obligatio iudicati', espressione che la Compilazione giustinianea consegna alla storia successiva. Il sintagma compare soltanto nell’età dei Severi ed il dato terminologico non solo svela qualcosa di sostanziale, ma si pone al culmine di un percorso che muove dal testo decemvirale e conduce ad una lenta emersione dell’ ‘obligatio’ per raffigurare la posizione soggettiva del convenuto soccombente in un giudizio di cognizione. Se non di oblio, certo può parlarsi di un’assai rara focalizzazione dell' 'obligatio iudicati' nella romanistica, anche contemporanea. Da qui l’opportunità di uno studio volto a seguire le tracce di una delle più significative elaborazioni della giurisprudenza romana, destinata fra l’altro a svolgere un ruolo importante nella costruzione del diritto sostanziale e processuale moderno.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/301272
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact