CONSERVAZIONE: DECISIVA LA DIAGNOSTICA