Una sempre crescente attenzione è rivolta alla necessità di avere una gestione efficace delle reti di distribuzione idrica per un uso più oculato della risorsa. In quest’ottica, è estremamente utile poter disporre di modelli in grado di simulare adeguatamente il comportamento delle reti, in modo da effettuare le scelte gestionali più opportune. Af-finché un modello di simulazione fornisca risultati prossimi a quelli osservati è neces-sario prevedere una sua calibrazione. Per la calibrazione dei modelli di simulazione, ma anche per risolvere altri problemi, ugualmente importanti, quali l’individuazione delle perdite, è necessario un’adeguata conoscenza del funzionamento reale della rete. Questa è rappresentata unicamente dai dati forniti dai sensori collocati nei nodi o sui lati della rete. In genere, soprattutto nelle reti di grosse dimensioni, il numero dei sensori disponibili è sempre molto ridotto e l’inserimento di altri punti di misura sarebbe auspicabile. Dato l’incremento dei costi che comporta l’introduzione di nuove misure, è fondamentale che esse siano realizzate nella maniera più efficiente possibile. Per questo motivo è particolarmente interessante il problema dell’individuazione della migliore disposizione dei sensori, che è lo scopo dell’operazione di progettazione della localizzazione dei punti di misura, o sampling design. Nella seguente nota sono esaminate, criticamente, le procedure maggiormente utilizzate per la localizzazione ottimale dei punti di misura in una rete di distribuzione idrica. Inoltre, con riferimento ad una rete di distribuzione precedentemente utilizzata dagli autori, vengono applicate alcune delle procedure descritte evidenziando i diversi risultati cui si perviene.

Il problema della scelta dei punti di misura nelle reti di distribuzione idrica

DEL GIUDICE, GIUSEPPE;DI CRISTO C.
2002

Abstract

Una sempre crescente attenzione è rivolta alla necessità di avere una gestione efficace delle reti di distribuzione idrica per un uso più oculato della risorsa. In quest’ottica, è estremamente utile poter disporre di modelli in grado di simulare adeguatamente il comportamento delle reti, in modo da effettuare le scelte gestionali più opportune. Af-finché un modello di simulazione fornisca risultati prossimi a quelli osservati è neces-sario prevedere una sua calibrazione. Per la calibrazione dei modelli di simulazione, ma anche per risolvere altri problemi, ugualmente importanti, quali l’individuazione delle perdite, è necessario un’adeguata conoscenza del funzionamento reale della rete. Questa è rappresentata unicamente dai dati forniti dai sensori collocati nei nodi o sui lati della rete. In genere, soprattutto nelle reti di grosse dimensioni, il numero dei sensori disponibili è sempre molto ridotto e l’inserimento di altri punti di misura sarebbe auspicabile. Dato l’incremento dei costi che comporta l’introduzione di nuove misure, è fondamentale che esse siano realizzate nella maniera più efficiente possibile. Per questo motivo è particolarmente interessante il problema dell’individuazione della migliore disposizione dei sensori, che è lo scopo dell’operazione di progettazione della localizzazione dei punti di misura, o sampling design. Nella seguente nota sono esaminate, criticamente, le procedure maggiormente utilizzate per la localizzazione ottimale dei punti di misura in una rete di distribuzione idrica. Inoltre, con riferimento ad una rete di distribuzione precedentemente utilizzata dagli autori, vengono applicate alcune delle procedure descritte evidenziando i diversi risultati cui si perviene.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/266
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact