CONSIDERAZIONI SULLA INSTABILITA' DI SECONDA SPECIE