La stabilità del paziente ortodontico-chirurgico con sindrome progenica: monitoraggio in “norma lateralis”. Nota III