Sull’affidabilità di un recente modello di proporzionamento di pozzi a vortice