L’acqua: un servizio a domanda o razionato?