Facendo seguito ad un precedente lavoro, viene proposto un modello per l'analisi dei fenomeni di moto vario elastico che possono svilupparsi nelle reti idriche, caratterizzate da un qualsivoglia grado di articolazione e/o di complessità, nonché da un qualsivoglia numero di lati, nodi e, eventualmente, maglie, in conseguenza di manovre e/o di fenomeni accidentali, quali il brusco arresto di sistemi di pompaggio, o volute, quali l'apertura/chiusura di valvole di linea o di idranti. L'approccio numerico è sviluppato avvalendosi del cosiddetto metodo algebrico, che costituisce una generalizzazione del noto metodo delle caratteristiche, semplificandolo in modo da ridurre l'onere computazionale seppure a prezzo di qualche lieve errore sulla valutazione degli effetti delle resistenze al moto.

Sui transitori che si sviluppano nelle reti idrauliche in pressione munite di luci di efflusso regolabili e di dispositivi di attenuazione dei fenomeni di moto vario

PIANESE, DOMENICO;
1994

Abstract

Facendo seguito ad un precedente lavoro, viene proposto un modello per l'analisi dei fenomeni di moto vario elastico che possono svilupparsi nelle reti idriche, caratterizzate da un qualsivoglia grado di articolazione e/o di complessità, nonché da un qualsivoglia numero di lati, nodi e, eventualmente, maglie, in conseguenza di manovre e/o di fenomeni accidentali, quali il brusco arresto di sistemi di pompaggio, o volute, quali l'apertura/chiusura di valvole di linea o di idranti. L'approccio numerico è sviluppato avvalendosi del cosiddetto metodo algebrico, che costituisce una generalizzazione del noto metodo delle caratteristiche, semplificandolo in modo da ridurre l'onere computazionale seppure a prezzo di qualche lieve errore sulla valutazione degli effetti delle resistenze al moto.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/190592
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact