La Vita Martini di Sulpicio Severo e la parafrasi esametrica di Venanzio Fortunato