Nelle più recenti esperienze di pianificazione a scala urbana il riferimento al paradigma della sostenibilità ha condotto a porre l’integrità fisica del territorio tra le finalità primarie dello sviluppo della città. Preservare, e più spesso ricostituire, l’integrità fisica del territorio richiede, però, metodi, tecniche e strumenti atti a “spezzare” il legame che ha a lungo connesso calamità naturali e danno, ovvero atti a conoscere, valutare e prevenire gli impatti dei rischi ambientali. A tal fine questo studio, che si inserisce in un più vasto filone di ricerca mirato alla messa a punto di “strategie d’area” per la riduzione delle condizioni di insicurezza del territorio urbano, è orientato a delineare una procedura per la conoscenza delle condizioni di rischio nelle grandi aree urbane, con particolare riferimento ai rischi naturali. In particolare, in riferimento alla definizione del rischio come prodotto di tre fattori –pericolosità, esposizione e vulnerabilità– questo studio risulta articolato in due parti: una prima a carattere teorico/metodologico in cui, a partire da una rilettura del concetto di rischio e delle sue componenti e sulla base di una ridefinizione del ruolo della prevenzione/mitigazione dei rischi ambientali nei processi di governo del sistema urbano, si perviene alla messa a punto di una procedura per la misura delle condizioni di rischio in ambito urbano, rimandando a specifici contributi la puntuale definizione delle procedure per la misura dell’esposizione e della vulnerabilità ai rischi naturali; la seconda a carattere applicativo in cui si effettua una prima verifica della procedura proposta su un ambito di studio individuato all’interno della città di Napoli.

La prevenzione dei rischi naturali nel governo delle trasformazioni urbane

GALDERISI, ADRIANA
2001

Abstract

Nelle più recenti esperienze di pianificazione a scala urbana il riferimento al paradigma della sostenibilità ha condotto a porre l’integrità fisica del territorio tra le finalità primarie dello sviluppo della città. Preservare, e più spesso ricostituire, l’integrità fisica del territorio richiede, però, metodi, tecniche e strumenti atti a “spezzare” il legame che ha a lungo connesso calamità naturali e danno, ovvero atti a conoscere, valutare e prevenire gli impatti dei rischi ambientali. A tal fine questo studio, che si inserisce in un più vasto filone di ricerca mirato alla messa a punto di “strategie d’area” per la riduzione delle condizioni di insicurezza del territorio urbano, è orientato a delineare una procedura per la conoscenza delle condizioni di rischio nelle grandi aree urbane, con particolare riferimento ai rischi naturali. In particolare, in riferimento alla definizione del rischio come prodotto di tre fattori –pericolosità, esposizione e vulnerabilità– questo studio risulta articolato in due parti: una prima a carattere teorico/metodologico in cui, a partire da una rilettura del concetto di rischio e delle sue componenti e sulla base di una ridefinizione del ruolo della prevenzione/mitigazione dei rischi ambientali nei processi di governo del sistema urbano, si perviene alla messa a punto di una procedura per la misura delle condizioni di rischio in ambito urbano, rimandando a specifici contributi la puntuale definizione delle procedure per la misura dell’esposizione e della vulnerabilità ai rischi naturali; la seconda a carattere applicativo in cui si effettua una prima verifica della procedura proposta su un ambito di studio individuato all’interno della città di Napoli.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11588/185667
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact