Viene descritto brevemente il Comprensorio Depurativo Alto Sarno, una delle principali realtà esistenti nella regione Campania nel settore del collettamento e del trattamento delle acque reflue. Con riferimento specifico ad una delle opere del Comprensorio, ovvero all'insieme di collettori che servono l'impianto di Mercato San Severino, vengono riportati e commentati i primi risultati della campagna di monitoraggio, in corso di esecuzione, finalizzata a controllare la corretta gestione del sistema, ed a suggerire gli interventi correttivi necessari. Vengono infine effettuate alcune considerazioni sullo stato di qualità delle acque del sistema dei collettori, utili anche ad indirizzare il prosieguo delle attività di monitoraggio.

Monitoraggio delle Acque del Sistema Fognario del Bacino Alto-Medio Sarno

FABBRICINO, MASSIMILIANO;GUIDA, MARCO;MELLUSO, GIOVANNI;ROTONDO, GIANPAOLO
2002

Abstract

Viene descritto brevemente il Comprensorio Depurativo Alto Sarno, una delle principali realtà esistenti nella regione Campania nel settore del collettamento e del trattamento delle acque reflue. Con riferimento specifico ad una delle opere del Comprensorio, ovvero all'insieme di collettori che servono l'impianto di Mercato San Severino, vengono riportati e commentati i primi risultati della campagna di monitoraggio, in corso di esecuzione, finalizzata a controllare la corretta gestione del sistema, ed a suggerire gli interventi correttivi necessari. Vengono infine effettuate alcune considerazioni sullo stato di qualità delle acque del sistema dei collettori, utili anche ad indirizzare il prosieguo delle attività di monitoraggio.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11588/184801
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact