Si analizza il potere senatorio di modifica o abrogazione di una legge pubblica in base alle testimonianze di Cicerone e di altre fonti di età repubblicana. Il potere del senato di dichiarare non vincolante una lex si precisa durante la crisi della repubblica, è da collegare alla perdita di valore dell'auctoritas patrum ed è da valutare insieme con il nuovo potere di solvere legibus (dispensare un singolo dall'osservanza della legge).

Aliquid de legibus statuere. Poteri del senato e sovranità del popolo nella Roma tardorepubblicana.

REDUZZI, FRANCESCA
2007

Abstract

Si analizza il potere senatorio di modifica o abrogazione di una legge pubblica in base alle testimonianze di Cicerone e di altre fonti di età repubblicana. Il potere del senato di dichiarare non vincolante una lex si precisa durante la crisi della repubblica, è da collegare alla perdita di valore dell'auctoritas patrum ed è da valutare insieme con il nuovo potere di solvere legibus (dispensare un singolo dall'osservanza della legge).
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11588/179319
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact