Nell’analisi strutturale di manufatti in muratura costituiti con mattoni e/o pietre, si ricorre spesso ai teoremi dell’analisi limite per avere una indicazione del loro grado di sicurezza e, a tale scopo, essi vengono analizzati come insiemi di macroblocchi rigidi di forma generica. In questo ambito un ruolo importante - e, a quanto sembra, a tutt’oggi non ancora ben chiaro - è quello del valore da attribuire ai coefficienti di attrito sulle interfacce verticali e inclinate, rispetto a quello sulle facce orizzontali, al fine di tenere opportunamente conto della tessitura e dell’ingranamento nonché della geometria (rapporto base-altezza) degli elementi costituenti il manufatto stesso. Nello studio che si propone, gli autori intendono indagare sul ruolo che hanno tali coefficienti di attrito quando si vuole determinare il carico di collasso di pareti murarie soggette a forze sismiche, modellate con macroblocchi di forma rettangolare e/o triangolare. Tale studio è affrontato su schemi elementari tenendo conto del teorema statico dell’analisi limite, nell’ipotesi di attrito con dilatanza e di materiale non resistente a trazione e con illimitata resistenza a compressione.

Prime osservazioni sul ruolo dei coefficienti di attrito nel calcolo del moltiplicatore di collasso di pareti discretizzate in macroblocchi rigidi.

DE ROSA, ENNIO;GALIZIA, FILOMENA
2007

Abstract

Nell’analisi strutturale di manufatti in muratura costituiti con mattoni e/o pietre, si ricorre spesso ai teoremi dell’analisi limite per avere una indicazione del loro grado di sicurezza e, a tale scopo, essi vengono analizzati come insiemi di macroblocchi rigidi di forma generica. In questo ambito un ruolo importante - e, a quanto sembra, a tutt’oggi non ancora ben chiaro - è quello del valore da attribuire ai coefficienti di attrito sulle interfacce verticali e inclinate, rispetto a quello sulle facce orizzontali, al fine di tenere opportunamente conto della tessitura e dell’ingranamento nonché della geometria (rapporto base-altezza) degli elementi costituenti il manufatto stesso. Nello studio che si propone, gli autori intendono indagare sul ruolo che hanno tali coefficienti di attrito quando si vuole determinare il carico di collasso di pareti murarie soggette a forze sismiche, modellate con macroblocchi di forma rettangolare e/o triangolare. Tale studio è affrontato su schemi elementari tenendo conto del teorema statico dell’analisi limite, nell’ipotesi di attrito con dilatanza e di materiale non resistente a trazione e con illimitata resistenza a compressione.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/118237
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact