L'Ordinanza 3274 della Presidenza del Consiglio [1], emanata su proposta del Dipartimento della Protezione Civile, ha profondamente innovato il settore della normativa tecnica in zona sismica. In particolare, la nuova norma italiana risulta coerente all'Eurocodice 8 [2], ed allineata con quelle più evolute del panorama internazionale. L'art. 3 dell'Ordinanza prevedeva anche il supporto del Dipartimento della Protezione Civile al mondo professionale in una serie di iniziative nel campo della formazione. Ciò si è sviluppato - e si sta sviluppando - tramite corsi di aggiornamento professionale in tutta Italia. Inoltre è stato preso l'impegno da parte del Consorzio interuniversitario Reluis, previsto dall'art. 4 dell'Ordinanza, costituito fra le Università di Napoli Federico Il (sede amministrativa), della Basilicata e di Pavia, di preparare Manuali di applicazione della norma per favorire e semplificare l'applicazione della stessa. In particolare è prevista una serie editoriale che ne copre sistematicamente tutte le singole parti. I primi Volumi, in uscita a marzo 2004, sono: • "Criteri di progettazione antisismica degli edifici" (capitolo 1-4 dell'allegato 2), a cura di L. Petrini, R. Pinho, GM. Calvi [3]; • "Progettazione antisismica di edifici in cemento armato" (capitolo 5 dell'allegato 2), a cura di E. Cosenza, G. Magliulo, M. Pecce, R. Ramasco [4]. A breve dovranno seguire manuali su tutte le rimanenti parti; in particolare: azione sismica e caratterizzazione dei siti, edifici in acciaio, edifici in struttura composta acciaio-calcestruzzo, edifici in muratura, edifici isolati, valutazione ed adeguamento degli edifici in cemento armato, valutazione ed adeguamento degli edifici in muratura, valutazione e consolidamento negli edifici storico-monumentali, opere di fondazione, opere di sostegno dei terreni, ponti, valutazione e consolidamento dei ponti esistenti, impianti in edifici a carattere strategico; sarà inoltre pubblicata la collezione storica delle norme tecniche per la progettazione antisismica in Italia, fondamentale per lo studio degli edifici esistenti. Il tutto per un totale di 16 Volumi. Nel seguito si forniscono informazioni sul Manuale relativo agli edifici con struttura in cemento armato. In pratica si fa ampio riferimento al primo capitolo di questo volume, presentando la valutazione delle azioni di progetto e la filosofia di verifica, le regole per valutare il fattore di struttura, per soddisfare la gerarchia delle resistenze e per soddisfare la richiesta di duttilità. Infine, nell'ultima parte della nota si sviluppa un cenno sugli edifici progettati fino al dettaglio nei capitoli 2-4 del Manuale che fa riferimento, alternativamente, a diverse tipologie strutturali per lo stesso edificio.

La progettazione antisismica di edifici in cemento armato secondo la nuova normativa tecnica

COSENZA, EDOARDO;MAGLIULO, GENNARO;M. Pecce;
2004

Abstract

L'Ordinanza 3274 della Presidenza del Consiglio [1], emanata su proposta del Dipartimento della Protezione Civile, ha profondamente innovato il settore della normativa tecnica in zona sismica. In particolare, la nuova norma italiana risulta coerente all'Eurocodice 8 [2], ed allineata con quelle più evolute del panorama internazionale. L'art. 3 dell'Ordinanza prevedeva anche il supporto del Dipartimento della Protezione Civile al mondo professionale in una serie di iniziative nel campo della formazione. Ciò si è sviluppato - e si sta sviluppando - tramite corsi di aggiornamento professionale in tutta Italia. Inoltre è stato preso l'impegno da parte del Consorzio interuniversitario Reluis, previsto dall'art. 4 dell'Ordinanza, costituito fra le Università di Napoli Federico Il (sede amministrativa), della Basilicata e di Pavia, di preparare Manuali di applicazione della norma per favorire e semplificare l'applicazione della stessa. In particolare è prevista una serie editoriale che ne copre sistematicamente tutte le singole parti. I primi Volumi, in uscita a marzo 2004, sono: • "Criteri di progettazione antisismica degli edifici" (capitolo 1-4 dell'allegato 2), a cura di L. Petrini, R. Pinho, GM. Calvi [3]; • "Progettazione antisismica di edifici in cemento armato" (capitolo 5 dell'allegato 2), a cura di E. Cosenza, G. Magliulo, M. Pecce, R. Ramasco [4]. A breve dovranno seguire manuali su tutte le rimanenti parti; in particolare: azione sismica e caratterizzazione dei siti, edifici in acciaio, edifici in struttura composta acciaio-calcestruzzo, edifici in muratura, edifici isolati, valutazione ed adeguamento degli edifici in cemento armato, valutazione ed adeguamento degli edifici in muratura, valutazione e consolidamento negli edifici storico-monumentali, opere di fondazione, opere di sostegno dei terreni, ponti, valutazione e consolidamento dei ponti esistenti, impianti in edifici a carattere strategico; sarà inoltre pubblicata la collezione storica delle norme tecniche per la progettazione antisismica in Italia, fondamentale per lo studio degli edifici esistenti. Il tutto per un totale di 16 Volumi. Nel seguito si forniscono informazioni sul Manuale relativo agli edifici con struttura in cemento armato. In pratica si fa ampio riferimento al primo capitolo di questo volume, presentando la valutazione delle azioni di progetto e la filosofia di verifica, le regole per valutare il fattore di struttura, per soddisfare la gerarchia delle resistenze e per soddisfare la richiesta di duttilità. Infine, nell'ultima parte della nota si sviluppa un cenno sugli edifici progettati fino al dettaglio nei capitoli 2-4 del Manuale che fa riferimento, alternativamente, a diverse tipologie strutturali per lo stesso edificio.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Ramasco - Progettazione antisismica di edifici in cemento armato.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: Accesso privato/ristretto
Dimensione 3.26 MB
Formato Adobe PDF
3.26 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/106186
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact