Quevedo e il canone breve