L'indagine mira ad evidenziare alcune caratteristiche dell'attività dei giuristi severiani, i quali operavano in una realtà di radicali trasformazioni. Con specifico riguardo alle 'Istituzioni' di Marciano, si è posto in evidenza che si tratta di uno scritto atipico che, a differenza delle 'Istituzioni' di Gaio, era rivolto non a studenti desiderosi di approfondire gli elementi del diritto ma ai provinciali, i quali, divenuti cittadini romani a seguito dell'editto di Caracalla, erano bisognosi di indicazioni utili ai fini dell'applicazione del diritto romano.

La giurisprudenza severiana tra storia e diritto. Le Institutiones di Elio Marciano

DE GIOVANNI, LUCIO
2006

Abstract

L'indagine mira ad evidenziare alcune caratteristiche dell'attività dei giuristi severiani, i quali operavano in una realtà di radicali trasformazioni. Con specifico riguardo alle 'Istituzioni' di Marciano, si è posto in evidenza che si tratta di uno scritto atipico che, a differenza delle 'Istituzioni' di Gaio, era rivolto non a studenti desiderosi di approfondire gli elementi del diritto ma ai provinciali, i quali, divenuti cittadini romani a seguito dell'editto di Caracalla, erano bisognosi di indicazioni utili ai fini dell'applicazione del diritto romano.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
DeGiovanni_2-2006.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: Accesso privato/ristretto
Dimensione 179.8 kB
Formato Adobe PDF
179.8 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11588/102866
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact