Madonna mia. Una riflessione sui salutz e una nota per Giacomo da Lentini