La gara atletica nella tragedia: Oreste in Sofocle e Achille nell'Ifigenia in Aulide di Euripide