LA DIAGNOSTICA COPROLOGICA: QUALI NOVITA?